MEG – MATERIAL EXTERIOR GRADE

Il MEG è un prodotto da costruzione ideale per l’architettura costituito da un’anima rigida abbinata a una superficie decorativa consistente di resine termoindurenti resistenti alle intemperie.
Robusto, compatto e durevole, il MEG è specificamente progettato per applicazioni esterne; è resistente alle intemperie naturali (luce solare e agenti atmosferici) e fornisce prestazioni tecniche che lo rendono adatto al settore edilizio, dove costituisce un’ottima alternativa ai materiali tradizionali.

Il MEG è disponibile in un’ampia gamma di decori ed è personalizzabile grazie alla tecnica della stampa digitale che permette di realizzare una facciata ventilata resistente, con una “pelle su misura” che può attingere anche alla propria prospettiva grafica o fotografica.

CARATTERISTICHE SPECIFICHE

Il MEG è un laminato decorativo ad alta pressione per applicazioni esterne, costituito da strati di fibre cellulosiche impregnate con resine fenoliche termoindurenti e da uno o più strati superficiali di carta decorativa impregnata con resine termoindurenti aventi speciale protezione alle intemperie, il tutto legato chimicamente insieme da un processo ad alta pressione rispondente alla norma EN 438:2005 – 6.

PRINCIPALI APPLICAZIONI

Il MEG viene utilizzato principalmente per il rivestimento di facciate (tipicamente facciate ventilate) e di balconi, nonché per la realizzazione di frangisole, di arredo urbano e di segnaletica esterna.

FACCIATA VENTILATA

La facciata ventilata è un sistema costruttivo che prevede la creazione di un’intercapedine con ventilazione naturale fra la struttura portante coibentata all’esterno e il rivestimento. I pannelli MEG garantiscono resistenza agli agenti atmosferici (sole, pioggia, neve, calore, gelo, ecc…).

FISSAGGIO DEI PANNELLI

Premettendo che i pannelli devono sempre essere montati con l’obbligo della camera areata posteriore, gli stessi non vanno mai posizionati a stretto contatto, ma sarà sempre necessario prevedere un giunto di dilatazione (fuga) calcolato in base alla dimensione dei pannelli in facciata.
Il MEG infatti si contrae in presenza di bassa umidità e si espande in presenza di alta umidità. Per ottenere un ottimo fissaggio è inoltre necessario considerare dei punti “fissi” e “mobili” con forature di diametro differenziato per consentire la dilatazione.
La vite avrà la testa piatta e mai svasata, in quanto ostruirebbe il movimento dei pannelli.

Sistemi di fissaggio per facciate ventilate:
› Fissaggio passante “a vista” e sottostruttura in alluminio
› Fissaggio passante “a vista” e sottostruttura in legno
› Fissaggio a scomparsa mediante aggancio sul retro delle lastre su sottostruttura in alluminio
› Fissaggio a scomparsa mediante incollaggio sul retro delle lastre su sottostruttura in alluminio
› Fissaggio a scomparsa mediante incollaggio sul retro delle lastre su sottostruttura in legno

Trovate tutti i dettagli relativi al fissaggio dei pannelli MEG sul Manuale Tecnico dedicato.

PROPRIETÀ

Fluttuazioni della temperatura e variazioni di umidità relativa non incidono sulle proprietà fisiche e meccaniche del MEG.
Prima della lavorazione si consiglia di conservare i pannelli in una posizione ben supportata e ventilata, al fine di consentirne l’acclimatazione e di prevenirne eventuali deformazioni.
La particolare compattezza del MEG assicura un’ottima combinazione di caratteristiche meccaniche quali la resistenza alla flessione, alla trazione, alla compressione e all’impatto. L’omogeneità e l’alta densità dei pannelli garantiscono un’elevata resistenza all’estrazione degli elementi di fissaggio.
Un’elevatissima percentuale di materie prime utilizzate per la produzione del MEG proviene da fonti rinnovabile.


FACCIATE

Una facciata ventilata realizzata con MEG costituisce un risultato di alto livello tecnico e di piacevole contenuto estetico.
Lo stile si può adattare ad ambienti differenti e a diverse esigenze di commissione.
Il MEG riveste edifici pubblici e privati in base alla creatività del progettista che può attingere alla propria idea di involucro, proponendo anche un rivestimento personalizzato.
Questo materiale, tecnico e robusto, sa esprimere ogni volta concetti e geometrie differenti.

BALCONI

Il MEG si adatta anche al rivestimento di balconi e parapetti, dettagli che compongono e completano l’architettura intera, permettendo di caratterizzare queste parti aperte giocando con colori tono su tono o con elementi a contrasto.

FRANGISOLE

Il MEG esprime una forte connotazione progettuale con le facciate frangisole e alcuni elementi per le zone di passaggio come le pensiline.
La potenzialità espressiva del MEG si enfatizza con il taglio su misura che permette di interrompere la luce solare e creare suggestivi giochi di ombra. Il MEG, forte del suo core compatto, può essere infatti alleggerito con disegni contemporanei o che si rifanno agli eleganti Musharabia orientali. Il progetto con MEG non ha limiti e suggerisce sperimentazioni e idee infinite.

ABET DIGITAL

Grazie alla tecnica di stampa digitale il MEG gioca con la creatività.
La stampa digitale permette, infatti, la realizzazione di qualsiasi immagine, commerciale o suggestiva, per qualunque formato di facciata o dettaglio. Ogni progetto si compone di una caratteristica unica.

Abet Digital

AMBIENTE

Il MEG consiste per il 60 – 70% di fibre di cellulosa ricavate da risorse rinnovabili, mentre per la parte restante (dal 30 al 40%) consiste di resine termoindurenti.
Solventi organici, amianto e metalli pesanti non entrano nel suo ciclo produttivo.
Il MEG non rilascia gas, vapori, solventi o fluidi.
Considerato il suo elevato potere calorifico, il MEG consente anche il recupero energetico derivante dalla termovalorizzazione dei suoi scarti in appositi impianti di incenerimento.
Inoltre, il MEG ha ottenuto una positiva valutazione dell’analisi del proprio ciclo di vita (LCA=Life Cycle Assessment) elaborata sulla base dello standard ISO 14040, la quale consente di determinare l’impatto ambientale del prodotto prendendo in considerazione i materiali utilizzati, il consumo di energia e le emissioni in tutti gli stadi della vita del prodotto stesso.